Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 20 luglio 2011

“MALEDETTA TACHICARDIA”


Quella mattina ti  alzi e c’è il sole, tutto ti sembra più luminoso,  ti senti spensierato, per giunta hai finito anche gli esami della sessione estiva, hai energie che prima non credevi di avere, ti guardi intorno ed ovunque poggi gli occhi trovi spunto per un pensiero felice.
Allora alzi il telefono, chiami un paio di amici e vi organizzate per andare a mare. Solo un ora dopo e vi ritrovate catapultati su di un lettino a prendere il sole sulla spiaggia.
Tu sorseggi una corona  ghiacciata con una fettina di limone, mentre racconti agli altri della folle serata di sabato sera e loro ti ascoltano sorridenti al tuo racconto, poi dal lido a fianco improvvisamente arriva della musica, la riconosci subito, sono i balli di gruppo, e cominci a sentire ancora di più il sapore dell’estate che è arrivata.
Pochi secondi dopo siete in acqua,  tra schizzi, risate e qualche nuotata a largo,  tu ti allontani un po’ più in la rispetto agli altri. Continui a nuotare finchè non sei rimasto da solo fai il morto a galla e fissi il cielo azzurro, sei felice, e ti accorgi che ti mancava da un bel po’ questa sensazione.
Poi la giornata di mare finisce e vi avviate verso casa, in macchina.
Nuovamente in città, il caos, il traffico ed i palazzi che coprono il cielo azzurro. Tu prendi una sigaretta la vorresti accendere ma prima che tu ci riesca ti cade dalle labbra. Il tuo sguardo è fisso sullo specchietto retrovisore. Non ci credi, è lei. Nella macchina di dietro.
Il tuo battito accelera di colpo senza preavviso e  tu ti senti nuovamente spiazzato e tradito da te stesso, dal tuo non riuscire a controllarti. Poi lei ti sorpassa e  ti saluta sorridendo. Il tuo cuore impazzisce, smascherando all’ istante tutto ciò che credevi di aver rimosso, tutto ciò che avresti voluto nascondere agli occhi degli altri, ma che adesso era troppo evidente da nascondere.
Avresti voluto solo urlarle tutto  ciò che sentivi in quel momento mentre lei ti sorpassava, ma  questa volta non ci sei riuscito. Questa volta no.
Il tuo battito non diminuisce anzi al contrario aumenta sempre più, anche dopo che avete girato per due strade opposte. La tua amica a fianco non può non averlo notato, ti guarda  e incuriosita ti chiede:
 “chi era?”
e tu rispondi:
“la donna della mia vita”
e nel frattempo pensi: “MALEDETTA TACHICARDIA”

martedì 12 luglio 2011

SHIMBALAIE



shimbalaie

Shimbalaiê, quando vejo o sol beijando o mar
Shimbalaiê, toda vez que ele vai repousar

Natureza, deusa do viver
A beleza pura do nascer
Uma flor brilhando a luz do sol
Pescador entre o mar e o anzol

Pensamento tão livre quanto o céu
Imagine um barco de papel
Indo embora para não mais voltar
Indo como que iemanjá

Refrão (2X):
Shimbalaiê, quando vejo o sol beijando o mar
Shimbalaiê, toda vez que ele vai repousar

Quanto tempo leva pra aprender
Que uma flor tem que vida ao nascer
Essa flor brilhando á luz do sol
Pescando entre o mar e o anzol

Refrão (2X):
Shimbalaiê, quando vejo o sol beijando o mar
Shimbalaiê, toda vez que ele vai repousar
Ser capitã desse mundo
Poder rodar sem fronteiras
Viver um ano em segundos
Não achar sonhos besteira
Me encantar com um livro
Que fale sobre a vaidade
Quando mentir for preciso
Poder falar a verdade

Refrão (4X):
Shimbalaiê, quando vejo o sol beijando o mar
Shimbalaiê, toda vez que ele vai repousar






Shimbalaiê*

Shimbalaiê, quando vedo il sole che bacia il mare
Shimbalaiê, tutte le volte che va a riposare

Natura, dea di vita
la belezza pura di nascere
Un fiore che brilla alla luce del sole
Pescando tra il mare e l'amo

Pensiero libero come il cielo
Immagina una barca di carta
Andando via per non tornare
Viaggiando come iemanjá

Refrain (2X):
Shimbalaiê, quando vedo il sole che bacia il mare
Shimbalaiê, tutte le volte che va a riposare

Quanto tempo ci vuole ad imparare
Che un fiore è vivo quando nasce
Questo fiore che brilla alla luce del sole
Pescatore tra l'amo e il mare

Refrain (2X):
Shimbalaiê, quando vedo il sole che bacia il mare
Shimbalaiê, tutte le volte che va a riposare

Essere capitani di questo mondo
Poter girare senza frontiere
Vivere un anno in un secondo
Non pensare che i sogni siano senza senso

Incantarmi con un libro
Che parla di vanità
Quando si deve mentire
Poter dire la verità

Refrain (2X):
Shimbalaiê, quando vedo il sole che bacia il mare
Shimbalaiê, tutte le volte che va a riposare

*Parola africana attraverso cui gli orixás africani portano un conforto di pace e bontà, di forze positive. E' altresì una forma di benessere con la natura.